Vitamin Center Blog
Echinacea, una pianta officinale per rafforzare il sistema immunitario... e non solo

Echinacea, una pianta officinale per rafforzare il sistema immunitario... e non solo – Dott. Alexander Bertuccioli

L’echinacea è una pianta conosciuta già dagli indiani d’america che la utilizzavano soprattutto per curare i sintomi da raffreddamento. La scienza moderna ne ha ripreso l’uso, sotto forma di estratti e di integratori, e la consiglia per un gran numero di applicazioni legate alla prevenzione e alla salute: scopriamo tutte le proprietà benefiche dell’echinacea e come utilizzarla nell’articolo del Dott. Alexander Bertuccioli.


A cosa serve l’echinacea?

L’echinacea rappresenta da secoli un importante rimedio fitoterapico, utilizzato in principio dai nativi del Nord America per il trattamento di un gran numero di sintomi e disturbi. Il suo impiego, infatti, veniva proposto con applicazioni antidolorifiche e antinfiammatorie correlate a numerose situazioni che potevano implicare genericamente dolore o febbre, per arrivare fino a vere e proprie condizioni patologiche: in tal senso, particolare efficacia veniva riscontrata soprattutto per contrastare le malattie delle vie respiratorie.

L’uso dell’echinacea nella medicina moderna: estratti e integratori

Una volta divenuta nota in occidente, questa preziosa risorsa nutraceutica ha visto mutare nel tempo le modalità di impiego, passando dalle applicazioni tradizionali a un prevalente impiego immunostimolante. Come mai? La composizione dell’estratto di Echinacea è alla base del successo di questa nuova applicazione. Il suo contenuto in polisaccaridi permette, infatti, l’attuarsi di un meccanismo di mimetismo molecolare in grado di stimolare la risposta e l’aggressività del sistema immunitario nei confronti di potenziali minacce.

Come agisce l’echinacea sul nostro organismo?

Ma questo meccanismo di “allerta” come avviene? Semplificando estremamente, possiamo dire che alcuni dei polisaccaridi contenuti nell’estratto di echinacea vengono scambiati dal sistema immunitario per componenti della parete di rivestimento di alcuni batteri. Il sistema immunitario viene così posto in una sorta di “pre-allerta” mostrandosi molto più efficiente ed efficace nella risposta nei confronti dei micorganismi patogeni.

Rafforza le difese immunitarie ma non solo...

Per molti anni pensando all’Echinacea questa è stata di fatto l’unica applicazione presa in considerazione della maggior parte dei tecnici e dei consumatori. Di recente, però, si è nuovamente iniziato ad indagare per valutare se anche altre delle applicazioni tradizionalmente proposte potevano trovare un qualche margine applicativo, e così è stato. Infatti indagando l’efficacia relativa all’impiego di estratti di Echinacea relativamente alle malattie e ai disturbi delle vie respiratorie sono emerse novità molto interessanti.

Integratori di echinacea per la funzionalità delle vie respiratorie

Un recente studio ha infatti preso in considerazione l’efficacia di estratti di Echinacea come anti asmatico riportando risultati decisamente interessanti sotto diversi punti di vista (per approfondimenti ecco lo studio scientifico completo Echinacea Complex – Chemical View and Anti Asthmatic Profile). Ma quali sono le sostanze responsabili di questo effetto? A oggi non è stato possibile identificare una singola sostanza e si ritiene che questo effetto sia da attribuire a una funzionale interazione di più sostanze contenute al suo interno, cioè quello che in fitoterapia viene definito “Fitocomplesso”.

Echinacea e benessere delle vie respiratorie: studi scientifici

Quali categorie di sostanze sono contenute nel Fitocomplesso caratteristico dell’Echinacea? Gli autori dello studio hanno contribuito a chiarire come al suo interno sia possibile isolare carboidrati (26.3%), fenoli (17.5%), proteine (14%), acidi uronici (11.2%) e altri componenti presenti in minori quantità. Lo studio ha valutato l’efficacia di impiego in un modello animale sensibilizzato nei confronti di diverse sostanze in grado di provocare una risposta simil-asmatica. I risultati hanno mostrato ottime capacità di broncocodilatazione, dovute alla modulazione della risposta contrattile della muscolatura liscia causata da istamina e acetilcolina, contestualmente a buone capacità antinfiammatorie, contrastando quindi con un buon margine di efficacia alcuni tra i principali eventi alla base della manifestazione asmatica. Altro aspetto molto importante messo in relazione dagli autori è quello correlato al mantenimento di un ottimale mobilità delle ciglia polmonari, (gli organelli che vibrando allontanano sporcizia e contaminanti inalati con la ventilazione dal polmone) sostenendo funzionalmente i naturali meccanismi di detossificazione che spesso finiscono con il trovarsi compromessi quando presenti malattie polmonari.

Dosi e tempi di somministrazione per massimizzare l’efficacia

Questi risultati sono sicuramente molto interessanti ma la domanda da porsi a questo punto è: “Si ma quanto funziona?” Ai dosaggi utilizzati dagli sperimentatori (50 mg/kg) per un periodo prolungato di somministrazione (14 gg) gli effetti antiasmatici e antinfiammatori si sono mostrati simili a quelli dei farmaci di riferimento generalmente utilizzati nel trattare queste condizioni. Rimane assolutamente da puntualizzare che questi dosaggi sono difficilmente raggiungibili nell’uomo, questo però non preclude la sua applicazione in quanto è ragionevole ritenere che un utilizzo preventivo, ovvero iniziando prima del periodo più critico della stagione dove si osservano con le manifestazioni asmatiche con maggiore intensità (almeno 20-30 gg prima), possa contribuire a una più funzionale gestione dei sintomi, mantenendo poi l’impiego per tutto il periodo critico.

L’echinacea funziona anche per l’asma allergico?

Ovviamente per i soggetti asmatici i rimedi volti a trattare importanti crisi dovranno sempre essere tenuti a disposizione per far fronte a ogni necessità. L’Echinacea può mostrarsi alla luce di questi dati un interessante strumento nutraceutico per la prevenzione e il trattamento dei fenomeni asmatici minori e non complicati, permettendo al tecnico e al consumatore di avere a disposizione ulteriori strumenti per la gestione di queste problematiche, con un approccio moderno derivato da conoscenze antiche.

Dott. Alexander Bertuccioli
Biologo Nutrizionista

Riproduzione vietata

Bibliografia

Šutovská M, Capek P, Kazimierová I, Pappová L, Jošková M ,Matulová M ,Fraňová S , Pawlaczyk I , Gancarz R “Echinacea complex – chemical view and anti-asthmatic profile” – J Ethnopharmacol. 2015 Dec 4;175:163-71. doi: 10.1016/j.jep.2015.09.007. Epub 2015 Sep 11

Disclaimer. Gli articoli presenti nel nostro BLOG sono redatti a scopo informativo e non intesi a trattare, diagnosticare, prevenire o curare. l pareri e le opinioni presenti negli articoli rappresentano le idee dei rispettivi autori e non possono essere considerati prescrizioni mediche.

PRODOTTI CORRELATI

Echinacea Gold VitaminCompanyEchinacea Angustifolia e Purpurea - Optima

Seguici