I drink energetici sono utili per l’attività sportiva in Estate?


Il periodo estivo offre varie possibilità, tra cui quella di poter svolgere le attività fisiche che preferiamo con maggiore frequenza e in tempi prolungati, grazie al clima più favorevole ed alle giornate più lunghe. Questa si dimostra una situazione ideale per coltivare le proprie passioni, ma richiede un supporto energetico extra rispetto al resto dell’anno.

Proprio nell’ottica di ottimizzare e sfruttare al massimo il tempo a propria disposizione si rivela difondamentale importanza servirsi di fonti concentrate di nutrienti, facilmente trasportabili, conservabili e utilizzabili per poter realizzare una bevanda energetica adatta.

Vediamo quali potrebbero essere le possibilità più interessanti.

I gel energetici si mostrano sicuramente tra le possibilità più interessanti in quanto facilmente trasportabili, conservabili, utilizzabili e soprattutto in quanto rappresentano un’ottima fonte di substrati energetici di qualità anche di diverse sostanze nutraceutiche dalle potenzialità molto interessanti.

 


Drink energetici: lipidi o glucidi?

Tra le fonti energetiche più considerevoli troviamo proposte significative sia nell’ambito dei glucidi che nell’ambito dei lipidi.

Tra le fonti di lipidi più funzionali troviamo i trigliceridi a catena media (MTC), complessi costituiti da glicerolo e acidi grassi a media lunghezza. Rappresentano il compromesso ideale tra la notevole capacità energetica dei lipidi e la capacità di stimolare un rapido svuotamento gastrico e una rapida digeribilità, favorendo così il rapido rilascio di energia.

Nel versante dei carboidrati sono disponibili soluzioni altrettanto interessanti in quanto se da un lato forniscono meno energia rispetto ai lipidi, dall’altro possono in opportuna miscela farlo per tempistiche prolungate. Ad esempio le ciclodestrine, sono un interessante connubio tra rapidità di assorbimento e gradualità di rilascio di energia nel tempo.

Le ClusterDextrin® si mostrano come una delle forme più innovative. Derivate dalla ciclizzazione dell’amilopectina, permettono di ottenere strutture altamente ramificate dalle notevoli potenzialità energetiche, rispetto ad altre fonti di carboidrati, mantenendo le dinamiche di assorbimento in precedenza descritte.

Il contestuale utilizzo insieme ad altre fonti di carboidrati come il Palatinose e le maltodestrine a diversa destrosio equivalenza può contribuire a realizzare miscele in grado di prolungare ulteriormente la graduale capacità di rilascio di energia a partire dai glucidi.


La Taurina e L’Arginina

Come accennato in precedenza i gel possono essere utilizzati anche come alternativa modalità di rilascio di altre molecole dalla funzione nutraceutica. In quest’ottica si mostra molto interessante la Taurina, in quanto capace di esercitare effetti adattogeni utili sia al mantenimento di alti livelli di attività del sistema nervoso che del sistema muscolare, riequilibrando e sostenendo le funzioni tissutali. La presenza di L-Carnitina può mostrarsi utile per favorire l’utilizzo di lipidi, in particolare a lunga catena come fonte di energia.

Ultima ma non per questo meno importante si rivela l’L-Arginina, uno dei principali intermedi del ciclo dell’urea, fondamentale nell’incremento della produzione di ossido nitrico, funzionale al sostegno delle dinamiche circolatorie e all’equilibrio di numerosi processi metabolici implicati nel metabolismo dei carboidrati.

Le soluzioni ipotoniche

Il mantenimento dei livelli di prestazione può anche essere favorito dall’utilizzo di opportune soluzioni di glucidi ed elettroliti. In tal senso possono mostrarsi piuttosto interessanti le soluzioni ipotoniche, onde favorire l’assorbimento di acqua. Il contestuale utilizzo vitaminico può inoltre supportare in maniera specifica le funzioni metaboliche implicate nella produzione di energia.

Le vitamine B1, B2, B5 e C contribuiscono particolarmente alla piena efficienza ed efficacia dei processi implicati nella produzione di energia e di conseguenza nel contrasto allo stress ossidativo.

Alcuni estratti vegetali possono mostrarsi funzionali agli obiettivi appena elencati, tra tutti si mostra particolarmente interessante l’eleuterococco, in virtù delle sue proprietà tonico-adattogene, frutto di una somma algebrica di effetti stimolanti e rilassanti, in grado di favorire e supportare la piena efficienza psico-fisica.

Alimenti che danno energia 

Anche comuni preparazioni alimentari possono dimostrarsi molto utili.

Lo zenzero, in virtù della somma di effetti di regolazione metabolica e antinfiammatoria, può contribuire nel supporto delle incrementate richieste metaboliche. 

 


La papaya mostra invece interessanti proprietà in grado di stimolare la naturale capacità di risposta allo stress ossidativo da parte del tessuto nervoso (evidenziate in modelli di studio animali), mostrando interessanti potenzialità nel supporto delle funzioni del sistema nervoso, anch’esse messe a dura prova dagli incrementati livelli di attività fisica.

 

Esiste quindi una vasta gamma di drink energetici e di possibilità per quanto riguarda il supporto energetico funzionale agli incrementati livelli di lavoro caratteristici della bella stagione. Utilizzandoli con metodo sarà possibile sfruttare al meglio questo periodo, facendo il pieno di tutte le attività fisiche preferite e gustando un drink energetico perfetto per il nostro benessere!

Dott. Alexander Bertuccioli
Biologo Nutrizionista

  

PRODOTTI CORRELATI

Natural Boom
Natural Boom
Performance Sete
Performance Sete
Energy Gel Pro
Energy Gel Pro
Super Dextrin
Super Desxtrin

Riproduzione vietata